Un sogno nel cassetto

Nuovo? Presentati alla comunità di GPI!
Avatar utente
koalakoker
Messaggi: 14
Iscritto il: 03 apr 2016, 10:05
Nome: Gianluigi
Cognome: Forte

Un sogno nel cassetto

Messaggioda koalakoker » 03 apr 2016, 14:49

Esordisco con un classico... ciao a tutti, mi chiamo Gigi anche se da molti anni in rete ho l'abitudine di farmi chiamare Koalakoker. Molti anni, è vero. Sono passati molti anni, ma dentro l'entusiasmo e la voglia di fare sono sempre quelli di una volta.
Ho… quanti? Uhm... 43 anni, e da sempre, beh non da sempre, ma da quando ero ragazzetto… ai tempi in cui sfogliavo con eccitazione le pagine di una rivista che in quel periodo andava per la maggiore ovvero Zzapp… dicevo da quei tempi ho sempre avuto un sogno nel cassetto ovvero quella di fare il programmatore di videogiochi. Erano quelli gli albori della generazione dei videogiochi, nelle case spopolava il Commodore 64, anche se io invece avevo un MSX. Non esisteva il 3D e le risoluzioni della schermata grafica oggi vi farebbero piegare in due dalle risate: più che altro i giochi erano una accozzaglia di pixel giganteschi (molto spesso con limitato numero di colori o in bianco e nero). Come consolle c'era l'Atari e ancora prima quella del tennis fatto con le sbarrette (questa può capirla solo chi ha la mia età…)
Questo sogno, dicevo, mi ha accompagnato per tutta la mia vita ed ha anche influenzato molte delle mie scelte per esempio gli studi e di conseguenza anche quello che sarebbe stato il mio futuro lavoro. Ma sebbene il campo sia quello perché riguarda la programmazione in sé, di fare videogiochi non se ne parla. Per cui il sogno è rimasto.
Negli ultimi diciamo dieci anni ho attraversato quella che potremmo definire il mio periodo medioevale, in cui ho messo da parte per un po' le mie passioni e mi sono dedicato al lavoro e alla famiglia. Sì ho sviluppato qualche piccola cosa e ho portato avanti qualche piccolo progettino open source, ma nulla che abbia a che vedere con i videogiochi.
In quest'ultimi mesi mi sono rimesso d'avanti al PC nei miei pochi momenti di tempo libero e giusto ieri, travolto da un'ondata di nostalgia ho trovato dei vecchi backup in cui c'erano progetti sviluppati intorno ai primi anni del nuovo millennio 2001-2002 che mi hanno fatto scendere la lacrimuccia.
Ieri sera ho pensato… ma come si chiamava quel sito che frequentavo a quei tempi? Quel sito in cui avevo anche partecipato scrivendo qualche tutorial? Quel sito in cui avevo contattato alcune persone per portare avanti un progetto di un videogioco chiamato Stargun e che mi accompagna negli anni come un cane fedele, che scodinzola felice ogni volta che il suo padrone ritorna a casa? Aspetta… scusate la mia memoria è quella che è… mi pare che si chiamasse Programming Ita o robe del genere… vediamo se Google o Wikipedia si ricordano di quei tempi… dovrebbe essere rimasta qualche traccia!
Okkakkio! Esiste ancora! Gameprog.it. Ma è proprio lui? Vado a dare un occhiata e leggo che è stato fondato nel 1997… beh, diciamo di sì credo che sia proprio lo stesso sito di tanti anni fa. Ovviamente adesso è tutto nuovo, incluso i membri immagino. Beh, Daniele e Sebastiano che sono i fondatori ci sono sempre e probabilmente ci siamo sentiti a quei tempi (ora francamente non mi ricordo con chi ero in contatto… e immagino che nemmeno loro possano ricordarsi di me… se può servire aggiungo solo un dettaglio che mi viene in mente, a quei tempi lavoravo a quello sparattutto 2D che accennavo prima e per Gameprog avevo scritto un tutorial dal titolo: come modellare un'astronave con True Studio 3… poi non ricordo bene cosa successe e tutti i tutorial di quel periodo vennero cancellati dal sito… vabbè storia passata)
E ora? La prima cosa che mi è venuta in mente è rivivere brevemente questi ricordi nella mia presentazione… mi iscrivo al sito perché sento di doverlo fare… perché ancora ci voglio provare… perché prima o poi il mio sogno nel cassetto si realizzerà.
Non posso promettere nulla perché i miei due lavori principali mi tolgono via buona parte del tempo (per essere chiari il primo è essere papà a tempo pieno e come secondo lavoro faccio anche l'ingegnere elettronico e sviluppo firmware embedded), e per questo non me la sento di propormi a team che sono in fase di sviluppo che hanno sicuramente scadenze e obbiettivi diversi da quelli miei, ma mi piacerebbe organizzare un gruppo per portare avanti progetti video ludici, magari meno ambiziosi e con tempistiche più rilassate… per divertirci un po'. Se qualcuno si rivedesse in queste idee… qualcuno che condivide con me questa passione… attenzione scrivo passione e divertimento: concetti che non si sposano per nulla con il termine “lavoro”... beh contattatemi… non vedo l'ora di provare a produrre qualcosa di nuovo.
Scusate se sono stato un po' prolisso.

Ciao
Gigi
Splendi d'amor eterno - 21-10-2006

Tiziano Lena
Messaggi: 142
Iscritto il: 17 nov 2015, 23:41
Nome: Tiziano
Cognome: Lena

Re: Un sogno nel cassetto

Messaggioda Tiziano Lena » 04 apr 2016, 13:46

Benvenuto Gigi,
mi auguro troverai nuovi spunti e nuove idee per farti avverare questo tuo sogno nel cassetto.
Alla fine sono fatti per essere avverati, non per rimanere per sempre in quel cassetto polveroso, no? ;)

Avatar utente
koalakoker
Messaggi: 14
Iscritto il: 03 apr 2016, 10:05
Nome: Gianluigi
Cognome: Forte

Re: Un sogno nel cassetto

Messaggioda koalakoker » 04 apr 2016, 14:36

Grazie Tiziano
Di spunti ne ho già trovati... per esempio ho conosciuto Unity che fino ad ieri per me era solo l'odiatissima interfaccia per Linux (la odiavo un tempo ma ora mi ci sto quasi abituando)... adesso devo trovare il tempo e magari anche qualche compagno di viaggio ^_^
Splendi d'amor eterno - 21-10-2006

alexwbc
Messaggi: 71
Iscritto il: 17 nov 2015, 15:10
Contatta:

Re: Un sogno nel cassetto

Messaggioda alexwbc » 09 apr 2016, 22:50

Ma allora esistevano altri MSX in giro per l'Europa!

Credevo che C=64 ed Amiga avessero monopolizzato tutta la gioventù informatica di quel periodo :mrgreen:

Per la cronaca, io ho iniziato con un MSX per poi passare finalmente al mio primo vero PC (che per chi l'ha notato, sulle schede madre non troppo recenti, "è colpa" di questo apparecchio il connettore verde/viola :mrgreen: ).

Per quanto riguarda le tue memorie di gameprog.it... penso sia proprio questo (anche se io all'epoca non lo conoscevo/interessavo di programmazione)
Puoi tuttavia toglierti il dubbio dando un'occhiata al passato: https://web.archive.org/web/20010801000 ... ameprog.it


Per la ricerca di collaborazioni; valgono sempre le solite raccomandazioni: l'inglese aumenta esponenzialmente le tue possibilità, mostrare/richiedere contenuti di quanto si è già prodotto, primi sviluppi sempre per progetti piccoli/piccolissimi (le DevJam ci stanno apposta), "open world come GTAV però mmorpg cone le quest di WoW è la direzione artistica tipo Assassin Creed è nono" (aka: attento agli idea guy :roll: )


Torna a “Presentazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti