Un saluto a voi tutti

Nuovo? Presentati alla comunità di GPI!
Balzack
Messaggi: 2
Iscritto il: 04 giu 2017, 16:52
Nome: Name
Cognome: Surname

Un saluto a voi tutti

Messaggioda Balzack » 04 giu 2017, 17:50

Salve a tutti.
Sono uno studente diciannovenne che andrà nelle prossime settimane incontro alla maturità. Tra un po' di studio e altro ho deciso di distarmi un po', non troppo, lo prometto :D, qui su GPI, che tra l'altro ho scoperto poc'anzi.
La passione per i videogame, il disegno, la lettura e l'interesse per l'informatica mi hanno portato ad avere un obiettivo: sviluppare un videogame tutto mio (immagino che su questo forum abbiano un po' tutti queste ambizioni).

Da un anno a questa parte ho cominciato a realizzarlo, per ora grazie a Unity e, prima o poi, se riuscirò a completarlo e sarò ancora qui, vi mostrerò il risultato dei miei sforzi.
Perchè mi trovo su questo forum? Un po' per curiosità, ma sopratutto perché sono ancora molto incerto sul mio futuro, quindi chiedo consiglio a voi.

Vi pongo qualche domanda:
- c'è possibilità per un non laureato di partecipare a progetti importanti o mi conviene proseguire gli studi?
- esistono software house in Italia intente ad assumere gente nella mia situazione?
- è necessario seguire qualche corso aggiuntivo per poter entrare in questo mondo?

Grazie in anticipo.

Fiz
Messaggi: 45
Iscritto il: 01 nov 2016, 17:54
Nome: Federico
Cognome: Palombni
Contatta:

Re: Un saluto a voi tutti

Messaggioda Fiz » 05 giu 2017, 01:36

Ciao Balzak!

Potrebbe essere utile avere qualche info in più sulla tua esperienza e su lavori che hai già fatto magari nel tempo libero semplicemente come hobby, anche parziali o semplici progetti, per avere un'idea più precisa del tuo grado di competenza. Sarebbe utile soprattutto capire in che ambito potresti specializzarti: lo sviluppo di giochi è un lavoro enorme, difficilmente una persona sola riesce a sostenere la mole di lavoro mantenendosi in tempistiche ragionevoli, quindi si tende a formare una piccola squadra e a dividersi i compiti: grafica, programmazione, design, marketing, ecc.

Io personalmente non sono nell'ambiente che da un anno, ma dal basso della mia prematura esperienza posso dirti che:
- sapere bene l'inglese è fondamentale
- di corsi, video, tutorial e conferenze da seguire ce n'è a bizzeffe e vale sempre la pena di tenersi aggiornati perchè le tecnologie continuano a cambiare (online probabilmente trovi tutto quello che ti serve)
- di "grandi case" in italia non ce ne sono molte, ma c'è un discreto numero di piccole case e gruppetti indie sparsi un pò ovunque. E' difficile trovare lavoro nelle prime senza un minimo di esperienza professionale alle spalle, e non è facile entrare nemmeno nelle seconde se si è proprio completamente "vergini". Per questo mostrare qualche tuo lavoro sicuramente ti aiuterà.

Spero che questi pochi consigli possano esserti utili! In bocca al lupo! :mrgreen:
Federico "Fiz" Palombini - Lead Designer of
Dealer's Life - Il Tuo Banco dei Pegni
Immagine
Powered by Immagine Abyte Entertainment

alexwbc
Messaggi: 71
Iscritto il: 17 nov 2015, 15:10
Contatta:

Re: Un saluto a voi tutti

Messaggioda alexwbc » 05 giu 2017, 13:29

Benvenuto!
Vuoi per il periodo pre-estivo, vuoi perché la gente oggi preferisce interconnettersi con facebook, non siamo in troppi a tener su la comunità di GPI; però siamo altamente motivati :ugeek: abbi pazienza se non c'è molto corrispettivo alla tue curiosità.


Non avendo molta esperienza anche io (beh, qualche prototipo... ) non posso esserti d'aiuto per le cose più tecniche o, per così dire, dell'ambiente e di come vanno le cose sulla scena indie italiana.

In genere essere sviluppatore di titoli AAA (i progetti importanti che danno un lavoro a tutti gli effetti) italiano vuol dire essere assorbito in qualche studio in giro per il globo; non mi risultano attivi team/publisher italiani AAA al momento (ma sperò di essere corretto). Se ti interessa/conti in questa possibilità (essere assunto in progetti importanti), l'inglese non è solo una base per "vendere il gioco" o reperire tutorial/manuali... ma proprio la chiave di volta senza la quale hai poco o nulla come possibilità :/

Se l'inglese non ti spaventa, ed anzi hai già deciso di divenirne fluente a termine del percorso formativo ed imparare le lingue ti piace... ti consiglio di esplorare anche il tedesco come seconda lingua da aggiungere. Per quanto ne possano pensare gli inglesi; la Germania non è semplicemente la principale economia europea... essa È l'economia europea. Ti basta dare un'occhiata qui: http://jobs.gamesindustry.biz/any/uk-and-europe

Con l'Inghilterra che leva le tende dalla comunità europea basta farsi due calcoli per capire dove conviene davvero appoggiarsi: la scena inglese è bella... ma la Germania è l'unica nazione che condivide i nostri stessi obblighi di equo rispetto tra cittadini europei ;)

Ora provo a rispondere alle tue domande, tenuto conto dei miei limiti conoscitivi ;

- c'è possibilità per un non laureato di partecipare a progetti importanti o mi conviene proseguire gli studi?
La formazione scolastica non è semplicemente un modulo cartaceo o "cultura generale", serve anche per formare la tua capacità di completare un progetto. Completare piccoli progetti (quindi anche qualcosa da mettere nel curriculum) e gli studi mi pare l'approccio più sensato; poi non posso sapere che potrebbe capitarti: se pensi di incrociare uno di quei treni che passano solo una volta nella vita (tipo Notch che ti chiama per quell'idea di un open world alla Assasin Creed con le quest di World of Warcraft :ugeek: ) sarebbe stupido perderli; ma anche in questo caso metterei gli studi "in sospensione" piuttosto che abbandono.

- esistono software house in Italia intente ad assumere gente nella mia situazione?
Sempre in attesa di esser corretto, ma da quello che ho visto la scena italiana mi pare di questi due tipi:
1) Indie forever
2) Indie che viene assunto in europa (nord Europa in genere) o nel globo.

- è necessario seguire qualche corso aggiuntivo per poter entrare in questo mondo?
Quello che so personalmente lo imparato usando quegli editor alla Unreal(che non ho mai usato)/Unity(che non ho mai usato)/GameMaker(brevemente usato per qualche prototipazione)/AdventureGameStudio(prototipazione) ed infine Godot (che sto imparando più approfonditamente).
A quanto mi è parso di capire la "generazione passata" di sviluppatori seri è stata principale formata dai manuali (tradurre [libro == sapere] ed uno di quei doni che solo la scuola puo fornire). Ma al giorno d'oggi si può integrare con video youtube e/o audiolibri (audiolezioni) da portare nello smartphone e seguire in cuffia anche quando vai in giro per strada.

Umabel
Messaggi: 3
Iscritto il: 03 giu 2017, 09:43
Nome: Roberto
Cognome: DelDuca

Re: Un saluto a voi tutti

Messaggioda Umabel » 05 giu 2017, 18:00

alexwbc ha scritto:
In genere essere sviluppatore di titoli AAA (i progetti importanti che danno un lavoro a tutti gli effetti) italiano vuol dire essere assorbito in qualche studio in giro per il globo; non mi risultano attivi team/publisher italiani AAA al momento (ma sperò di essere corretto).



Non sò se si possono considerare AAA ma in italia abbiamo la kunos simulazioni che fà assetto corsa (mi pare siano di Roma)
Mentre a Milano abbiamo la Milestone che fà tutti i giochi del MotoGP.

Balzack
Messaggi: 2
Iscritto il: 04 giu 2017, 16:52
Nome: Name
Cognome: Surname

Re: Un saluto a voi tutti

Messaggioda Balzack » 06 giu 2017, 20:38

Grazie a tutti per le utili risposte. A questo punto penso che la mossa più intelligente sia continuare gli studi e nel frattempo tentare di produrre qualcosa di interessante.
Ci sentiamo su altre discussioni, saluti a tutti.


Torna a “Presentazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite